La make-up routine di Rosangela Pappalepore, Instagrammer

Alla scoperta dei prodotti di make-up che Rosangela Pappalepore, Instagrammer, ama di più, e consiglia.. 

“Mi chiamo Rosangela Pappalepore. Vivo a Bari e sono mamma e moglie. Nella mia prima vita sono stata redattrice e coordinatrice editoriale per una importante casa editrice internazionale. Da qualche anno curo un piccolo spazio su Instagram dedicato agli argomenti che da sempre mi appassionano: make-up e skincare. Mi piace immaginarlo come un magazine on line tutto mio nel quale alterno idee make-up, recensioni di prodotti e mini tutorial.”

Parlando di rossetti….Mi piace cambiare, dipende  dall’occasione, dall’umore, dall’outfit e dai colori che decido di usare per gli occhi. Devo dire però che negli ultimi anni ho fatto pace anche con i colori più scuri. Adesso indosso più spesso e volentieri i rossi anche su un no makeup makeup. 

Tra matte o glossy…… Non sono legata al finish matte e ai liquid lipstick. Ammetto che il ritorno ai rossetti satin e creamy o ai very e propri lucidalabbra non mi dispiace affatto. Trovo che questo tipo di prodotto valorizzi le labbra.

Tra tinta labbra o rossetto….Entrambi, sia rossetti liquidi che in stick. La mia scelta si basa sul comfort. Ci sono formule liquide leggere ed elastiche ma anche rossetti in stick pesanti e appiccicosi che non riesco a sopportare più di qualche ora sulle labbra. 

I rossetti che sto usando di più in questo periodo…. il MatteLast in Evening Rose di Pixi Beauty, il Power Bullet in Third Date di Huda, il Matte Trance Flash3 di Pat Mc Grath e Uncuffed di Fenty. Sono i miei go-to nude del momento. I rossetti scuri che più sto amando invece sono Velvet Myth, Velvet Decade e Velvet Midnight di Lisa Eldridge. Formula eccezionale e colori particolarissimi. 

Ho un debole per i mascara. Mi piace provarne sempre di nuovi. E non ho pregiudizi. Anzi mi è capitato di rimanere delusa da prodotti highend e di entusiasmarmi per mascara low cost. Adesso per esempio ho una infatuazione per il The Falses Lash Lift di Maybelline che intensifica e allunga in modo incredibile.

Un brand di make-up che vorrei provare. Molti sono brand indie americani come Givemeglow, altri invece sono brand luxury che per il momento restano nel cassetto dei desideri come Chantecaille o Victoria Beckham Beauty

Parlando di fondotinta.…Sulla mia pelle misto/grassa è dura! Anche perché ricerco un finish il più possibile naturale. Non sopporto i fondotinta full coverage Matte che magari sono longlasting ma appesantiscono e segnano la pelle. Il Face&Bady della linea Dior Backstage mi piace tanto. Modulabile, leggero, effetto seconda pelle.

Quando mi chiedono quanto tempo impiego ogni giorno per truccarmi rispondo che dipende dal tempo che ho a disposizione. Mi possono bastare 5/10 minuti per un makeup essenziale. Per realizzare qualcosa di più elaborato mi occorre una mezz’ora buona.

Un brand di cui avevo sentito tanto parlare ma che una volta provato ha deluso le mie aspettative…Col tempo mi sono resa conto che alcuni marchi lavorano bene con i prodotti per la base ma sono deludenti (dal mio punto di vista, sia chiaro) per i prodotti occhi o labbra. Oppure viceversa. Mi viene in mente Becca che fa tra gli illuminanti più belli in circolazione, ma palette occhi che per quanto mi riguarda sono poco performanti.

Se potessi entrare da Sephora e avere in regalo tutte le referenze di soli due brands senza esitazione al primo posto sceglierei Natasha Denona. E dopo averci pensato su un nano secondo aggiungo Pat Mc Grath. Credo che al momento siano i make-up brand più interessanti. La qualità della Denona è impareggiabile. Della linea Pat Mc Grath apprezzo il taglio editoriale. Finish e scelta colori editorial al passo con la moda.

Prodotti rivelazione dell’ultimo anno per me sono stati i Liquid Fairy Lights di Pixi, glitter liquidi che con pochi gesti e senza complicazioni rendono wow anche il look più basic. Per chi ha più manualità gli ombretti/pigmenti in polvere libera del brand russo Tammy Tanuka e di quello polacco Inglot. I blush stick del marchio italiano Neve Cosmetics che performano alla grande anche su pelle mista. Vorrei invece provare qualcosa dal brand coreano Dear Dhalia e di quello italiano Espressoh.  

Una mania. Faccio fatica a disfarmi delle cose. Per me il decluttering è praticamente impossibile. A volte conservo anche le scatole dei prodotti. Ce ne sono alcune che sono pezzi da collezione come quelle delle palette di Pat Mc Grath, bellissime!

Sei fossi ad costretta ad usare un unico prodotto di make-up, per un anno…. Anche se il mio istinto mi dice di scegliere un buon correttore con il quale realizzare l’intera base, riflettendoci probabilmente mi orienterei per un rossetto in stick rosa malva che userei su occhi, viso e labbra.

Per il mio make-up ultimamente sto alternando diversi prodotti per portarli a termine. Insieme al fondotinta di Dior uso lo Studio Skin di Smashbox,quando voglio maggiore coprenza. Scelgo un correttore cremoso e illuminante. Il mio evergreen è l’Age Rewind di Maybelline. Fisso tutto con la cipria compatta di Nabla che sto terminando in tempi record. Mi piace moltissimo. Ho riscoperto i prodotti in crema per il viso. Non amo il contouring alla Kardashian ma con il Match Stix di Fenty in Amber ottengo giusto un ombra leggera e fredda. I Blush Stick di Neve Cosmetics sono fantastici. Uso tutte le 4 shade in gamma per creare un bell’effetto luminoso e tridimensionale. Trovo ideale per l’applicazione un pennello duo fibre. Se ho poco tempo li uso anche in velocità su palpebre e labbra. Tanto mascara e via! Per un makeup occhi basic invece uso la matita Teddy di Mac (un classico), o la crayon kohl di Chanel in Rouge Noir che con il suo colore Bordeaux scuro è perfetta su occhi verdi. Sfumo verso l’esterno e fisso con delle polveri. Il quad Cocoa Mirage di Tom Ford è facilissimo da usare. Gli ombretti si sfumano da soli. Sulle labbra una matita per definire i contorni e correggere le piccole asimmetrie. Me ne basta una del colore della mia mucosa labiale come la Nude Beige di Diego dalla Palma e uno dei rossetti dei quali parlavo sopra. Ultime ma non ultime le sopracciglia. Per me uno step fondamentale. Adesso sto usando i prodotti della linea Anastasia Beverly Hills. Pomade e mascara colorato. Delle sopracciglia ben disegnate aprono anche lo sguardo più stanco e regalano subito un aspetto curato.

Social e beauty…..Per mancanza di tempo seguo sempre meno i canali youtube. E poi ultimamente mi infastidivano i video haul nei quali venivano mostrati tanti, troppi prodotti. Credo sia il messaggio sbagliato. E poi chi mai può davvero usare e “capire” un prodotto quando ne ha così tanti? Non mi fido delle recensioni seriali. Invece seguo più volentieri profili Instagram. I miei preferiti sono quelli di makeup artist che lavorano in ambito moda. Amo i look editoriali. Li trovo di grande ispirazione. Ma anche quelli che per quanto originali o colorati possono essere indossati. Tra i contenuti che preferisco ci sono quelli di Linda Hallberg, Celine Bernaerts e Katie Jane Hughes. Sono affezionata a Samatha Chapman e trovo che le sue proposte siano sempre particolari ma easy e poi lei ha un viso così bello che rende tutto desiderabile. Infine amo i video tutorial pubblicati da Natasha Denona perchè propongono look sempre molto femminili, eleganti, portabili e riproducibili, cosa che purtroppo si vede sempre meno su Instagram.

La domanda che mi fanno di più le mie followers…. Spesso mi vengono chiesti suggerimenti per prodotti che rispondano a specifiche esigenze. Correttore, fondotinta, matita labbra, spf da usare sotto il makeup in città. Mi fa riflettere sul fatto che siamo diventate consumatrici più consapevoli e che abbiamo le idee sempre più chiare sulle nostre esigenze, un po’ meno sui prodotti più adatti a soddisfarle.

Tra profumeria e online preferisco l’online e per un motivo molto semplice: odio essere tampinata dal personale addetto alla vendita. Anche per questo tra i negozi fisici gli store Sephora sono i miei preferiti. Mi sento libera di girare tra gli espositori. Toccare i prodotti. Informarmi sulle novità. 

A volte, non sempre per fortuna, mi rendo conto che la clientela è più informata di chi vende. Capita di chiedere di una nuova linea o di un nuovo prodotto e di leggere sulla faccia della commessa un enorme punto interrogativo. Per quello che riguarda i prodotti a volte penso che l’offerta sia esagerata. Ogni stagione veniamo travolti da nuovi prodotti ma sono davvero NUOVI? Vorrei che i lanci fossero di meno ma più “pensati”. Che le novità fossero davvero tali per concept e formula.

Be first to comment

Rispondi