Byredo Unnamed: il profumo senza nome

Processed with VSCO with e1 preset

Quante volte avete pensato che il nome di un profumo, seppure molto bello, non rappresentasse la fragranza? Per Unnamed di Byredo il creatore del brand, Ben Gorham, ha deciso di lasciare l’arduo compito della scelta del nome a chi lo comprerà, dando libero sfogo alle associazioni, senza confini semantici. Curiosi?

Non capita tutti i giorni che un atleta professionista intraprenda una carriera di successo nel mondo delle fragranze ma è esattamente quello che è successo a Ben Gorham, che prima di lanciare dieci anni fa Byredo, linea di profumi destinata a diventare un cult, giocava a basket da professionista. Tutto é iniziato da un incontro fortuito ad una cena, quando il ventisettenne Gorham incontra il profumiere svedese Pierre Wulff e rimane affascinato dal suo lavoro, in particolare dalla connessione tra profumo e memoria. Segue poi un viaggio in India, terra della madre (il padre di Gorham é canadese) dove gli aromi di spezie e incenso riportano alla memoria tanti ricordi, ed è li che scatta la decisione finale: creare fragranze che evocassero ricordi. Arruola quindi due tra i profumieri più talentuosi del mondo: Jerome Epinette, a New York, e Olivia Jiacobetti, a Parigi che lo aiutano a sviluppare il primo profumo per Byredo sulla base dei ricordi della fragranza indossata dal padre di Ben Gorhman, morto quando lui era bambino.

Sin dal lancio sul mercato Byredo colpisce l’attenzione degli addetti ai lavori, vuoi per la qualità delle fragranze, vuoi per l’estetica minimal del packaging, vuoi per la fisicità di Ben Gorham. In breve Byredo diventa un brand cult: tutti ne parlano e tutti lo vogliono, e i magazine di tutto il mondo si contendono interviste esclusive al fascinoso Ben Gorham. Dieci anni di successo che Ben Gorham ha deciso di celebrare alla sua maniera, fuori dagli gli schemi, con il lancio di una nuova fragranza: Unnamed.  Nessun nome. Nessuna indicazione. Solo un’etichetta immacolata. Unnamed di Byredo non ha un nome ma é una pagina vuota che permette al cliente di scegliere un nome che abbia un significato particolare e di personalizzare l’etichetta del flacone.

Ben Gorham come Jérôme Epinette conosce il potere che può avere un nome e come può influenzare la percezione di una fragranza per cui Unnamed di Byredo da la possibilità a chi lo acquista di dare libro sfogo alle associazioni, senza confini semantici. Racchiuso in una custodia bianca, Unnamed di Byredo si compone di un set di lettere stampate nell’unico carattere di Byredo, che fornisce possibilità infinite per il nome perfetto di questa fragranza. Le iniziali, il nome di battesimo, la destinazione di un viaggio, un numero fortunato, un momento speciale, un momento del giorno o della notte, un emblema. Vietato chiedere la famiglia olfattiva o le note che compongono la fragranza Unnamed di Byredo; per una volta chiudete gli occhi, lasciatevi trasportare dall’emozione, e date libero sfogo alla fantasia….

Per chi prima di apporre le lettere del nome sul profumo vuole vedere l’effetto che fa basta cliccare sulla pagina creata ad hoc Unnamedperfume dove si può provare anche a creare una propria campagna per accompagnare il profumo e condividere il tutto, come stanno facendo diversi fan da tutto il mondo.

Unamed di Byredo é in vendita in tutti i Bar à Parfums Olfattorio e in selezionate profumerie.

Tags from the story
, ,
More from Vanessa Caputo
Beauty routine: Martina Ferri Faggioli
La beauty routine di Martina Ferri Faggioli, fashion designer e mente creativa del...
Read More

Rispondi