Chicago High di Vilhelm Parfumerie: recensione

QUESTO NON È UN PROFUMO

Ma un mare di emozioni rinchiuso in bottiglia! L’ispirazione di Chicago High di Vilhelm Parfumerie sono i ruggenti anni ’20: alcool e tabacco che scorre a fiumi, feste, abiti bellissimi, musica jazz di sottofondo, e atmosfera dissoluta.

Champagne, Ananas e Bergamotto danno un apertura frizzante. Tabacco e Miele nel cuore lo rendono denso, corposo, e la scia di Patchouli, Cuoio e Ambra è di un sexy pazzesco alle mie narici.

La prima volta che l’ho sentito mi ha lasciato spiazzata, perché diverso da tutto quello che ho provato negli ultimi ammi, ma è stato una volta indossato che mi ha conquistato. Perché?

Perché mi sono sentita Kate Moss qualche decade fa, assediata dai paparazzi all’uscita di uno degli innumerevoli party esclusivi a cui tutta Londra sognava di andare. Il trucco un po’ sfatto, lo sguardo annebbiato dall’alcol e la sigaretta in bocca. Ma così terribilmente sexy.

È un profumo per donne dalla forte personalità, ma attenzione perché crea addiction una volta che lo indossi.

More from Vanessa Caputo
Rughe: le cattive abitudini che invecchiano
Non esiste, purtroppo, il modo per fermare il tempo ma esistono dei...
Read More

Rispondi