Dolce Riso la fragranza di Calé Fragranze D’Autore che profuma di gioia e positività

Sono stati tempi bui, e l’incertezza sul futuro rende gli animi inquieti, proprio per questo è importante circondarsi di positività, di tutto ciò che ci rende felici e ottimisti. E chi più di un profumo, dalle note che trasmettono gioia e allegria, può aiutarci ad affrontare le giornate con fiducia? E’ quello che succede una volta spruzzato Dolce Riso di Calé Fragranze D’Autore, una fragranza che ti mette istantaneamente di buon umore! Ne abbiamo parlato con Silvio Levi, founder del brand, e sua figlia Giulia, che da qualche tempo ha iniziato ad occuparsi a tempo pieno dell’azienda di famiglia, che ha inaugurato il servizio di e-shopping https://eshop.perfumebycale.it/

Qual è l’ispirazione dietro Dolce Riso?

Silvio: E’ un grande abbraccio in cui religioni, confini, etnie si fondono in un enorme sorriso! Giulia: Un grande, sorridente e solidale abbraccio che unisce mondi, popoli e culture diverse.

Me lo descrivereste?

Silvio: Un apertura fresca, fruttata e verde evolve in note inattese di riso e cereali per esplodere in un dolce abbraccio vanigliato e morbido. Giulia: Un accordo fruttato lascia spazio a cereali resi leggermente vivaci da un accenno di pepe bianco per poi compiersi in un tenero e vanigliato abbraccio.

Dolce Riso in 3 aggettivi.

Silvio: Positivo, aperto, tenero. Giulia: Tenero, caldo, buono.

Quali emozioni vi suscita questo profumo?

Silvio: Estrema tenerezza e amore. E’ stato il primo profumo, creato ancor prima che nascesse il marchio ed è stato in uso esclusivo di mia figlia per tre anni nel pieno dell’adolescenza. Giulia: Amore.

Che colore ti fa venire in mente Dolce Riso?

Silvio: Il rosa tenue di un morbido batuffolo da cipria. Giulia: Rosa cipria.

In che occasione e con che tipo di abito indossereste questo profumo?

Silvio: Io non lo indosserei, ma ogni volta che lo sento non posso trattenere un sorriso e pensare a mia figlia. Per una donna credo che possa essere una firma olfattiva estremamente accattivante che può essere indossata con qualsiasi stile di abbigliamento purché non sia pretenzioso o eccessivo ma perfettamente calzante con il mood di chi lo indossa, che per me è una donna altruista, portata all’ottimismo, sorridente e curiosa del mondo. Giulia: La sera in vacanza d’estate, quando sei esattamente con le persone con cui vorresti stare, libera e spensierata con un vestito corto fresco che ti fa sentire a tuo agio; senza preoccuparti troppo dei capelli perfettamente in ordine o del trucco impeccabile.

 

Be first to comment

Rispondi