Editions de Parfums Frederic Malle alla scoperta di un brand iconico

Editions de Parfums Frederic Malle cosa rende questo brand unico? 

Frederic Malle nasce in una famiglia profondamente radicata nella profumeria: suo nonno, fu il fondatore di Parfums Christian Dior.

Nel 2000, Frederic Malle lancia Editions de Parfums Frederic Malle, con un concetto unico ovvero si concentra sulla libertà creativa degli artigiani profumieri, senza porsi limiti sui costi delle materie prime ed è il primo brand che fa uscire i profumieri fuori dall’ombra, anzi li rende protagonisti tanto che si ogni profumo troverete scritto il nome del creatore. 

Questo approccio ha portato a una collezione che riflette gli stili e le personalità diverse dei profumieri, contribuendo all’unicità di ogni profumo.

La collaborazione è al centro del successo del brand che nel corso degli anni ha lavorato con i più noti e talentuosi  profumieri come Jean-Claude Ellena, Maurice Roucel e altri, rendendo Frederic Malle  un riferimento per intenditori ed appassionati.

Ma passiamo alle fragranze innanzitutto che più di ogni brand a mio parere vanno provate su pelle perché variano molto 

Le mie preferite partendo dall’ultima uscita:

Heaven Can Wait di Jean-Claude Ellena, é un bell’iris reso cremoso e vellutato dalla nota di pesca e magnolia, con una sfumatura leggermente fumosa del vetiver nel cuore, e un’apertura speziata e fruttata. 

Musc Ravageur, un profumo super sexy tanto che è stato ribattezzato “sex in a bottle”. Spezie, vaniglia, fava tonka, sandalo e muschio. Dolce, morbido, sensualissimo. Mi evoca un bello/a e dannato/a. 

Carnal Flower di Dominique Ropiom ha richiesto due anni di lavoro e 690 prove. E’ il profumo alla tuberosa per eccellenza, il riferimento per chi ama questa nota. Ha una apertura fresca, verde, ti trasporta in un giardino tropicale lussureggiante, per poi rivelare una bellissima tuberosa addolcita da sentori cremosi di ylang gelsomino e cocco. Un profumo regale, sensuale ma elegantissimo.

Vetiver Extraordinaire di Dominique Ropion. Amo la nota del vetiver e qui è interpretata magistralmente da Dominique Ropion. Un’apertura frizzante di agrumi resa vivace dal pepe rosa e poi il vetiver naturalmente che si adagia su un fondo di sandalo, muschio e legno di cedro. E’ un profumo di in eleganza incredibile evoca un uomo elegantissimo, un uomo rassicurante e sicuro di sé ma che piacerà molto alle donne che amano le note più maschili. E’ un vetiver poco fumoso è un vetiver che odora di pulito.

Uncut Gem di Maurice Roucel ha un’apertura fresca e vivace con agrumi e spezie, un cuore di cuoio, vetiver e olibano, e nel fondo ambra, muschio e una overdose di ambrocenide, che esalta le note agrumate e potenzia le ambrate. Il risultato sulla mia pelle è un profumo che odora di pulito, leggermente talcato.

Synthetic Jungle di Anne Flipo ha come nota protagonista il mughetto in coppia nel cuore con Giacinto, Gelsomino, Ylang Ylang e’ una fragranza verde e floreale fresca, croccante, narcotica perfetta per la primavera. Abiti leggeri, un cappello di paglia i piedi nell’erba il sole sulla pelle.

More from Vanessa Caputo
Beauty routine: Marco Loriga
Alla scoperta della beauty routine dei gentleman italiani: Marco Loriga; PR e...
Read More

Rispondi