IRISSS DI XERJOFF: PIU’ CHE UN PROFUMO UN GIOIELLO…

di Andrej Babicky

Xerjoff è un brand che non ha bisogno di tante presentazioni. L’eleganza del packaging, l’accurata ricerca delle materie prime e i dettagli di ogni flacone ancora applicati a mano, mettono in risalto l’aspetto artigianale e artistico. Ogni fragranza è un viaggio, un sogno di luoghi esotici, un racconto composto da tanti capitoli. 

Irisss, che fa parte della collezione 17/17 non è un’eccezione.

Come il nome suggerisce, il tema della fragranza è l’iris: nota che amo in modo particolare per le diverse forme che può assumere a seconda dell’idea del naso creatore. Questo è un iris unico, ricco, sfaccettato, con un aspetto trasparente e freddo, come se fosse cristallo.

L’apertura è appunto fredda come una lama di metallo, tagliente come l’acciaio di una spada, brillante come un gioiello con una vaga percezione verde amarognola come il decoro in malachite che adorna il flacone.

Guardando attraverso questo cristallo colpito da frecce acuminate di luce, si intravedono delle note fiorite, come se fossero dei motivi floreali sulla tappezzeria di una parete di una magione che conserva gelosamente il ricordo dei fasti passati. 

E se l’apertura è quasi vegetale, la fragranza evolve in un iris più polveroso, quasi cosmetico, per poi far emergere una presenza “saponosa” e pulita.

Sembra quasi che la fragranza voglia esplorare diversi aspetti della materia prima: ne fa annusare la texture, ne esalta la ricchezza, la matericità, e la luminosità inaspettata a tratti accecante, ma anche una profondità più oscura, terrosa ed enigmatica.

Secondo me Irisss non è un profumo, bensì un gioiello, regale e sontuoso, il quale ha bisogno di saper essere portato. Ogni volta che vaporizzo Irisss immagino che sia una fragranza che avrebbe potuto portato lo zar Nicola II.

Per chi volesse scoprire di più sul brand  qui trovate il link all’intervista con Sergio Momo, co-founder del brand, sul primo podcast italiano dedicato alle fragranze Ti Racconto Un Profumo.

Be first to comment

Rispondi