Un Jardin Sur la Lagune: alla scoperta dei giardini di Hermès

La storia di un viaggio olfattivo, iniziato nel 2003, attraverso i giardini del mondo, e di cui Hermès ha cercato di catturare il profumo. Scopriamo insieme “Un Jardin Sur la Lagune“…..

I giardini: luoghi magici, spirituali, dove rilassarsi, entrare in contatto con la natura e staccare finalmente la spina. Ai giardini e al loro fascino la Maison Hermès ha dedicato una collezione di fragranze: “Le Jardin” che tanto successo ha riscosso sin dal suo lancio, nel 2003, con la prima delle creazioni Un Jardin en Méditerranée. Nel corso degli anni  ne sono seguite altre, ognuna ispirata ad un giardino diverso, in giro per il mondo, di cui Hermès ha cercato di catturare il profumo

L’ultima creazione Un Jardin Sur La Lagune  si ispira ad un giardino segreto, il giardino dell’Eden, a Venezia, creato da Frederic Eden, un Lord, a inizio ‘800, un giardino in cui il profumo dei fiori e della vegetazione é smorzato dal vento salmastro della laguna. Il giardino, che si trova dietro la prigione maschile dell’isola della Giudecca, non é aperto al pubblico ed é attualmente di proprietà della Fondazione Hunderwasser, ma ai tempi era frequentato da artisti, letterati, come Henry James e Gabriele D’Annunzio e dall’aristocrazia locale.

Christine Nagel, affascinata dalla storia del giardino ha cercato per mesi di poterlo visitare ma inutilmente fino a quando dopo aver scritto una lettera al presidente della Fondazione ha avuto questa opportunità e ha scoperto con grande eccitazione un luogo magico, ricco di odori; il sale della laguna circostante, il legno degli alberi, e quello dei fiori che popolano il giardino. Christine ha trascorso i successivi 18 mesi a tradurre questi profumi e l’atmosfera misteriosa e decadente del giardino in un profumo. Il risultato è una miscela sofisticata di gelsomino, magnolia, giglio della Madonna, fiori d’arancio, compensato da note legnose e da un accordo minerale e salato.

Gli altri profumi della linea sono:

Le Jardin de Monsieur Li” (2015) é un agrumato unisex che racconta un giardino cinese tra realtà e immaginario. Un luogo di meditazione dove passeggiare e pensare vanno a braccetto, dove ogni passo libera l’immaginazione. “Mi è tornato alla mente l’odore dei laghetti, l’odore dei gelsomini, delle pietre bagnate, dei prugni, dei kumquat e dei bambù giganti. C’era proprio tutto lì, e persino alcune carpe, nello stagno, che tranquillamente si avviavano a diventare centenarie.”

Un Jardin Sur le Toit” (2011) é un profumo fruttato-aromatico unisex, che narra un giardino segreto, nascosto nel cuore di Parigi. Un giardino pensile, situato sul tetto del palazzo della maison Hermès, al 24 faubourg Saint-Honoré. Il giardino è pieno di erbe aromatiche, fiori e frutti dai sapori che variano attraverso l’avvicendarsi delle stagioni. Melo, pero, erbe selvatiche e magnolia nell’aria di Parigi creano questo profumo di luce e di piacere, croccante e allegro.  Un giardino in festa, un giardino che fa di testa sua, inondato di sole.” 

Un Jardin Apres La Mousson”  (2008) é un boisé-speziato unisex che esplora i diversi volti di un’India insolita, quando il monsone rende alla terra quello che il sole le ha preso e scaccia il soffio ardente della siccità. Zenzero, cardamomo, coriandolo, pepe e vetiver raccontano in questa novella la rinascita della natura, in un luogo particolare, il Kerala, in un universo inzuppato d’acqua. “Serena espressione olfattiva della natura che rinasce, cessata la pioggia”.

Un Jardin Sur Le Nil” (2005) è una fragranza floreale-fruttata unisex. Una passeggiata nelle isole-giardino del Nilo ad Assouan, punto di partenza di un nuovo vagabondaggio olfattivo. Mango verde, fior di loto, incenso, giunco vegetale e legno di sicomoro sono i protagonisti di questa ode rinfrescante. “Una nuova idea di freschezza, piuttosta insolita; odori verdi e vegetali; odori d’acqua e sabbia.”

Un Jardin en Méditerranée” Il primo profumo della collezione creato nel 2003, un floreale-acquatico che si ispira al giardino tunisino di Leïla Menchari (Direttore di display per Hermès). Come un diario di viaggio, evoca quel paradisiaco universo di ombre, acqua e luce, sul tema di un albero di fico al mattino e agrumi mediterranei. “Espressione profumata di un ricordo mediterraneo, mosaico di sensazioni olfattive, visive e tattili.”

 

Be first to comment

Rispondi