Cire Trudon: la più antica cereria del mondo

Julien Pruvost, CEO di Cire Trudon, e i segreti della più antica cereria del mondo, che ha visto tra i suoi fan la Regina Maria Antonietta e Napoleone…

 

 

Ha più di tre secoli di storia ma non li dimostra, parliamo di Cire Trudon, ovvero quanto di più sofisticato esista nel mondo della cereria, e per molto tempo un indirizzo noto solo ai parigini doc. Si deve fare un balzo indietro nel tempo,  di quasi quattro secoli fino al 1643 ed entrare nella  bottega in Rue St. Honoré, nel quartiere di Saint-Roch a Parigi, dove Claude Trudon mercante di Piccardia lavora con arte e maestria la cera che preleva direttamente dagli alveari per produrre candele per uso domestico e religioso.

Effluvi sorprendenti, adatti ad ogni circostanza, anche le più intime e scabrose, facendo da cornice alle lusinghe del Re Sole verso le sue favorite, prima fra tutte Madame de Pompadour. Maria Antonietta, stessa, ne diviene consumatrice esigente. Gli archivi della maison conservano ancora le antiche ricette di preparazione delle candele e gli stampi recanti gli stemmi reali. Ancora oggi le candele di Cire Trudon sono realizzate in pregiata cera biodegradabile al 100%, prive di paraffina, racchiuse in vasetti  di vetro soffiato da maestri artigiani in Vinci e timbrate a rilievo con etichette d’oro.

Nel negozio Cire Trudon di Parigi, frequentato da Karl Lagerfeld e Catherine Deneuve, solo per citarne alcuni, è disponibile il servizio “su misura”, per i clienti più esigenti (Inès De La Fressange è una fan), ed è possibile acquistare  una serie di accessori da collezione; coltelli da candela, smoccolatoi, fiammiferi  dal gusto e design classico, per riassaporare i gesti del passato con eleganza e autenticità. In più una chicca: candele decorative che riproducono i busti di personaggi storici famosi, oltre naturalmente agli spray per ambiente. Abbiamo chiesto a Julien Pruvost, CEO del brand tutto quello che c’è da sapere su queste meravigliose candele che hanno fatto la storia….

Quali sono gli elementi iconici di Cire Trudon? I profumi: complessi e spesso ricchi di ingredienti naturali. La cera: formula unica di Cire Trudon. Il vaso: a mano, unico per Cire Trudon, tinto nel nucleo.

Quali sono i best seller di Cire Trudon? Ernesto, Abd el Kader, Joséphine, Solis Rex, Odalisca.

Il motto di Cire Trudon. Deo Regique Laborant (Loro lavorano per Dio e il re – dove “loro” sta per le api).

Come si fa a creare un nuovo profumo? Sviluppiamo temi e storie basate o in linea con il nostro patrimonio, che diventano il punto di partenza con i nostri profumieri. In alcuni casi occasionali partiamo da una selezione di ingredienti. Diamo massimo grado di fiducia e di libertà ai nostri profumieri. D’altra parte senza il loro talento non saremmo arrivati dove siamo ora.

Qual è il suo profumo preferito e perché? Sono molti e cambiano di stagione in stagione. Ultimamente amo Melchior e Odalisca, ma la scorsa primavera e all’autunno usavo Positano.

L’abitudine peggiore quando si brucia una nuova candela. Spegnerla prima che la superficie si sia completamente fusa.

Suggerimenti per utilizzare meglio una candela. Spingere lo stoppino nella cera ed estrarlo con un cucchiaio o uno strumento simile invece di soffiare su di esso.

Le note olfattive da preferire quando si regala una candela a una donna e un uomo. Nessuna regola. Ho scoperto che quello che si pensa potrebbe piacere a un uomo o una donna piace anche l’altro. La cosa migliore è pensare al tipo di ambiente dove la candela sarà usata o l’occasione. Questa è la mia opinione personale.

Le note olfattive da utilizzare da preferire in base alle stagioni. E’ un discorso simile a quello che si ama mangiare o bere durante le diverse stagioni. Quando la stagione è tiepida o calda, sono da preferire le note più fresche e leggere. Quando fa molto freddo le note più calde e più profonde possono essere confortevoli e rilassante.

Le note olfattive da preferire secondo le stanze. Anche in questo caso, è una questione di gusti direi. La mia casa ideale ha nella camera da letto: Spiritus Sancti, nello studio: Byron, nel soggiorno: Odalisca e in bagno: Abd el Kader. A cena uso Madeleine o Royale candele inodori per il loro bagliore e stile.