Davines: Laura Luciani, come avere capelli perfetti

Come combattere la forfora? Come proteggere i capelli da inquinamento e smog? I consigli di una super esperta: Laura Luciani Education & Technical Marketing Manager di Davines…

di Vanessa Caputo

 

 

 

Laureata in Chimica Laura Luciani ha iniziato la sua carriera in mezzo a provette ed alambicchi, ora ricopre la posizione di Education & Technical Marketing Manager di Davines, ovvero traduce il linguaggio di laboratorio in linguaggio pubblico, in modo che la comunicazione scientifica sia facilmente accessibile. Si occupa della formazione scientifica a tutti i livelli all’interno dell’azienda e del “panel test” ovvero il lancio, in selezionati saloni, di un nuovo prodotto per vedere se incontra i gusti dei consumatori, dal punto di vista di texture, profumo, performance.

Lei è una chimica cosa ne pensa della nuova corrente green nel beauty? Penso che dove è possibile bisogna sicuramente preferire ingredienti naturali ed organici ma è impensabile rinunciare ad altri ingredienti che il pubblico ora tende a recriminare, perché sono comunque performanti. Basta citare i solfati che servono a produrre schiuma e permettono di pulire bene lo stelo del capello, soprattutto se non li si lava da giorni, o si sono applicati grandi quantità di prodotti per lo styling. I primi shampoo senza solfati furono un flop perché non erano gradevoli dal punto di vista sensoriale e non producevano schiuma, tutt’ora il fatto che producano poca schiuma li rende di poco appeal dato che generalmente si tende ad associare la schiuma alla pulizia.

Quando parla di ingredienti recriminati si riferisce ai famosi parabeni? Dei parabeni usati nella cosmetica tre sono ancora ammessi e i prodotti ne contengono in quantità minime, non nocive, eppure ormai è in atto una stigmatizzazione nel mondo della cosmesi. Sempre più persone tendono a chiedere prodotti privi di parabeni senza sapere che sono usati anche come conservanti alimentari e nei farmaci.

Online si trovano diversi siti che spulciano gli ingredienti dei cosmetici. Io consiglio per farsi un’idea veritiera su due siti creati da due esperti: biodizionario.it di Fabrizio Zago, chimico industriale, consulente Ecolabel e No-Nonsense Cosmethic, anche questo ideato da un chimico industriale che recensisce e valuta oggettivamente i cosmetici. Mi piace il suo angolo della bufala dove sfata i  miti cosmetici. Di entrambi i siti apprezzo il linguaggio facilmente comprensibile anche da chi non ha un background in chimica.

Parliamo di capelli, data la sua esperienza, quali sono le regole per avere dei capelli sani e splendenti? Bisogna lavorare sia dall’interno, curando l’alimentazione, che dall’esterno, se ci sono delle anomalie, in questo caso bisogna agire di conseguenza consultando un dermatologo, tricologo o parrucchiere che sa fare il suo mestiere. I capelli non sono scissi dalla cute e  se la cute non è sana la cosa fondamentale è andare ad agire sulle sue eventuali problematiche: forfora, secchezza, iper produzione sebacea, cute debole e fragile con diradamento o perdita di capelli superiore alla norma, causata anche da un repentino cambio della temperatura che indebolisce la pelle e anche il cuoio capelluto.

Quanto shampoo è necessario per lavare perfettamente i capelli? 10 gr di media, per una lunghezza dei capelli fino alla spalla. Si dovrebbe distribuire in diverse parti della testa e poi emulsionarlo con le mani sulla cute, massaggiando. Una volta che lo shampoo schiuma spostarsi sulle lunghezze. Importante ricordare che lo shampoo deve essere sempre applicato sui capelli molto bagnati perché solo così svolge la sua azione detergente nel modo migliore.

Caduta dei capelli cosa fare? Partendo dal presupposto che nelle donne la caduta non è mai totale, tra i 18 e 28 anni non tutti sanno che è possibile agire in modo efficace per prevenire il problema, massaggiando il cuoio capelluto. Il massaggio determina una stimolazione della circolazione a livello cutaneo, il bulbo pilifero si rafforza e fa crescere sano il capello. Basta fare uno shampoo più lungo del solito massaggiando la cute con calma la mattina sotto la doccia e usare un integratore a base di curcuma che è un forte antiossidante, un super food, che riduce la caduta dei capelli. Usare nei piatti che si suole cucinare la curcuma e il pepe, che aiuta a veicolare le proprietà della curcuma. Scegliere prodotti per la detersione che contengano caffeina, che provoca uno shock termico e stimola la circolazione, sirtuine e betaglucani, le prime sono le proteine della longevità, rallentano il processo d’invecchiamento cellulare e proteggono le cellule dalle aggressioni esterne. Per questo tipo di problematiche Davines ha creato Naturaltech Energising, per cute e capelli fragili che tendono a cadere.

Cosa fare in caso di forfora? La forfora é dovuta ad un fungo, lo pityrosporum ovalis che generalmente dorme e non da problemi, si risveglia in caso di squilibri ormonali, fegato affaticato e stress. Una volta che il fungo è sveglio inizia a mangiare accelerando il rinnovamento dell’epidermide. Quindi la presenza di forfora indica un’infiammazione in corso. Scegliete shampoo con antifungini e antibatterici come il selenio di solfuro, zinco piritione, piroctone olamine. Davines ha creato per questo problema la linea Naturaltech Purifying.

Cosa fare in caso di iperproduzione sebacea? Detergere delicatamente la cute perché è in atto un’ossidazione in corso, usare prodotti che contengano anti ossidanti come il limone, che ha un azione sgrassante o la cannella, che ha la stessa attività. All’interno di Davines la linea Rebalancing.

Cosa fare in caso di cute secca? Nutrirla usando prodotti che contengano uva, oli di riso, acai e passiflora, oli nutrienti  ma non pesanti sullo stelo che sono anche onti ossidanti.

Cosa fare in caso di impurità, smog e inquinamento? Chi vive in grandi città oltre alle varie problematiche del capello deve anche tenere conto di smog e inquinamento che si depositano sui capelli. Meglio usare un rituale simile allo skincare, usando uno shampoo scrub, come quello della linea Naturaltech Detoxifying con argilla della zon di Acquiterme, che contiene silice e jojoba e rimuove le cellule morte.

Cosa fare se si ha la cute molto sensibile. Scegliere prodotti che contengono camomilla, calendula, ylng ylang, tantoxiluttanum zanthalene, olio di grano. Se si colorano i capelli e si è sensibile ai coloranti usare prodotti senza ammoniaca e  un pre colore. Natural Tech Calming di Davines contiene mirtillo e vitamina A. Le pareti venose e arteriose sono labili e il rossore sulla cute è determinato da proteine sulla pelle che reagiscono quando c’è stimolo diverso.