Milk Makeup: la mia recensione

Negli Stati Uniti Milk Makeup è un brand cult. In Italia, dove è arrivato da qualche mese in esclusiva da Sephora, è ancora poco noto.

Dietro Milk Makeup un team di creativi: Mazdack Rassi founder di Milk Studio, un importante e noto studio fotografico con sede a New York e Los Angeles, ma anche un’agenzia creativa, e sua moglie Zanna Roberts Rassi, giornalista di Marie Claire USA. C’è poi Georgie Greville, direttore creativo degli studi fotografici Milk, e Dianna Ruth, formulatrice che ha lavorato Hard Candy, Bliss, and Benefit.

La particolarità di Milk Makeup é che i prodotti si presentano tutti in forma di stick, dal make-up ai sieri, maschere e tonico etc, e si applicano con le dita. Il brand é stato  pensato per le più giovani che amano il trucco naturale e che che non vogliono prodotti complicati, anche per quello che riguarda lo skincare. Sono prodotti che grazie al loro formato si prestano a stare anche nelle borse più piccole e la loro immagine è accattivante, instagrammabile. Basti pensare che Sephora ha chiuso un contratto di vendita con i founder del brand ben prima che fosse lanciato sul mercato. Ai responsabili della catena beauty è bastato vedere l’immagine e il concept per capire che si trattava di un marchio vincente, destinato a diventare un best seller. E così è stato.

La mia recensione di Milk Makeup

Partiamo dal mascara, uno dei prodotti che uso di più. Si tratta di un mascara super volumizzante con olio di semi di canapa, è ha un finish nero intenso Dona volume, allunga e incurva le ciglia, non fa grumi ma soprattutto ha una buona tenuta.

Di Watermelon Brightening Serum Mini mi è piaciuta l’idea di rendere solido, in stick, un siero.  Si tratta di un siero schiarente e idratante che uniforma l’incarnato, e da un effetto glowy. E’ super comodo da portare in borsa per un ritocco quando si ha bisogno di idratazione extra.

C’è poi l’Highlighter Mini e il Matte Bronzer. Il primo è un illuminante cremoso modulabile in stick, dalla tonalità champagne, che illumina. Tra gli ingredienti il burro di mango, il nettare di pesca e l’olio di avocado, che assicurano un fantastico effetto glow.

Cooling Water invece é un gel in stick rinfrescante che calma e idrata la pelle irritata riduce i gonfiori ed è a base di caffeina e acqua di mare.

Milk Glimmer Glow OilI si applica sulle guance e sulle labbra e da un leggero colore. Contiene olio di crusca di riso ricco di antiossidanti che idrata la pelle

Hydro Grip primer è un primer idratante senza oli e siliconi che si stende facilmente e attenua la visibilità di pori e segni di espressione. E’ formulato con estratto di semi di canapa ed estratto di agave blu, ma non è in stick.

Ho amato molto la mini taglia dei prodotti e la semplicità di utilizzo, anche per chi come me tende a fare disastri nell’applicazione del make-up. Mi piace molto anche l’idea di rendere compatti sieri e maschere. Trovo che Milk Makeup sia un brand molto contemporaneo e divertente da usare con una bella immagine, che in un mondo dominato dalle immagini ha la sua importanza.

Be first to comment

Rispondi