Écrin de Fumée di Serge Lutens: la mia recensione

Ogni volta che ricevo una nuova fragranza di Serge Lutens ritorno bambina, e mi emoziono. E non sapete che emozione è stata sentire e provare Écrin de Fumée, una creazione che rispecchia stile e codici che hanno reso il marchio amatissimo dagli addetti al settore.

Ma partiamo dall’inizio, dalla descrizione fatta da Monsieur Lutens del profumo:

“Infuso con il profumo dolce e sensuale del tabacco, questo è un inno poetico a coloro che bruciano la vita da entrambi i lati. A chi l’eccesso è uno stile di vita, a chi ama celebrare i piaceri del vivere nel lusso più opulento. A chi sa che il tempo vola così veloce che la vita va vissuta intensamente e celebrata fino in fondo.
Vivere pericolosamente ha i suoi limiti e il disincanto è inevitabile. Quando la festa finisce e la cortina fumogena cade, le illusioni perdute riaffiorano. Un tragico e affascinante controllo della realtà”.

“Svelto, veloce, il mondo sta finendo! La nostra stessa esistenza ha bisogno di cure urgenti.
Tra il rombo dei cannoni scorre lo champagne. Tappi in aria, potrebbero essere in fiamme?
Sotto la cortina fumogena, la vita è un gioco decadente” – Serge Lutens –

A questo punto parliamo della fragranza, ma non posso essere che di parte, sia perché amo il brand, ma anche perché parte delle note presenti nella fragranza, quelle dichiarate, sono le mie preferite, vedi, tabacco, rum e poi c’è il cacao, ma come non te lo aspetti.

L’apertura è deflagrante! Praline al cioccolato fondente ripiene di liquore, con una leggera nuance animalica. Con il passare dei minuti l’odore del cioccolato diventa più denso, morbido, polveroso, per poi lasciare spazio alla dolcezza del tabacco. Inutile dire che è amore!

Écrin de Fumée é sensuale, conturbante, profondo, ipnotico. E’ un profumo perfetto per la sera, da indossare per sedurre, ma anche per cene di lavoro ed eventi importanti

Rispondi