Molecole di sintesi nella profumeria: tutto quello che c’è da sapere. Ce ne parla Carlos Quintero di Nomenclature

Per anni demonizzate, e tutt’ora guardate con sospetto, le molecole di sintesi hanno cambiato la storia della profumeria e, grazie a leggi severe e progressi scientifici, sono diventate ancora più sicure di molte materie prime naturali. Parola di Carlos Quintero co-founder di Nomenclature

Hanno nomi misteriosi e intriganti: paradisone, orbitone, hedione, sandalore etc. Si usano per ricreare materie prime ormai rare, come l’ambra grigia, o vietate come il musk, che deriva dalle secrezioni prodotte da un cervo himalaiano. Ma le molecole di sintesi sono usate anche per ottenere odori che esistono in natura ma non si possono ottenere dalle relative materie prime naturali, come il mughetto o le note marine, non ultimo hanno consentito ai profumieri di creare odori non esistenti in natura per arricchire e completare una composizione olfattiva, come nel caso delle aldeidi alla base di Chanel n°5. Eppure c’è ancora molta ritrosia da parte del pubblico. Abbiamo intervistato Carlos Quintero di Nomenclature, brand di fragranze artistiche che celebra le molecole di sintesi, e di cui é il co-founder con Karl Bradl, per fare chiarezza su un tema ancora così poco conosciuto e che genera molti pregiudizi privi di fondamento.

Perché pensi che le molecole di sintesi siano state così demonizzate negli ultimi anni? Cosa temono le persone? Questa è una questione molto importante per Nomenclature. In tutta onestà i detrattori delle molecole sintetiche avevano ragione quando è iniziato l’intero movimento. I controlli e i test di qualità erano molto superficiali e i governi non stavano assumendo un ruolo attivo nella regolazione dei giganti chimici. In quei decenni c’era una grande richiesta di materie prime più economiche e più accessibili e nessun senso di sostenibilità e / o coscienza ambientale. Poi l’industria ha deciso che la migliore soluzione a questo problema era quella di nascondere questi ingredienti. Invece di educare i consumatori, il tema molecolare divenne un tabù. Le fragranze divennero un mistero affascinante. Ma la chimica delle fragranze, come tutte le moderne tecnologie, ha dovuto passare attraverso un’evoluzione. Oggi giorno, grazie a leggi severe e progressi scientifici, le molecole sono pesantemente regolamentate e testate e sono diventate ancora più sicure di molte materie prime naturali. Le molecole di sintesi sono ora considerate la nuova alternativa ecologica agli ingredienti naturali che possono essere responsabili dell’inquinamento e della sovra-raccolta.

La più grande paura nei consumatori, dopo la scoperta dei vari conservanti dannosi per la salute utilizzati nella cosmetica, é quella che le molecole di sintesi possano essere in qualche modo non sicure da applicare sulla pelle. Le moderne molecole sintetiche sono sicure o talvolta anche più sicure degli ingredienti naturali. La maggior parte delle reazioni allergiche sono causate da materie prime naturali; le molecole permettono ai profumieri di usare dosi più piccole mantenendo buone prestazioni di diffusione. Gli oli naturali vengono estratti usando acidi o processi fortemente inquinanti che danneggiano la natura e gli esseri umani. Prima che una molecola entri nel mercato è passata attraverso anni di ricerche e test; i produttori chimici sono rigorosamente regolamentati e controllati dal governo e dall’istituzione indipendente, mentre i prodotti naturali non lo sono. Nomenclature utilizza solo ingredienti sicuri e ampiamente testati. Siamo esenti da ftalati e parabeni. Le nostre formule includono ingredienti naturali di altissima qualità e le molecole più esclusive. La nostra confezione rispetta l’ambiente: riutilizzabile, riciclabile e utilizza a malapena materie plastiche.

Parlando con Jean-Claude Ellena, mi ha detto che le molecole di sintesi sono fondamentali nel suo lavoro perché non riproducono la natura ma la completano. Cosa aggiungono le molecole di sintesi ad un profumo? Nel suo saggio del 2009 “Creation in the Perfume World, Jean-Claude Ellena ha confermato il ruolo molto importante delle molecole sintetiche nella profumeria moderna. “La chimica ha portato ad una tendenza molto interessante nel mondo dei profumi: ha permesso al profumo di essere considerato un’arte”. Questo è assolutamente vero. Prima delle molecole i profumieri cercavano di ricreare profumi che esistevano già in natura. L’astrazione è diventata possibile grazie alle molecole e alle loro note fuori dal mondo. Creazioni come Jicky e Fougere Royale furono i primi esempi di astrazione completa, segnando l’inizio della profumeria moderna. Inoltre, le fragranze luminose, scintillanti e iridescenti non possono essere create esclusivamente sui naturali. Ci piace pensare ai naturali come alla realtà e alle molecole come alla magia. Insieme creano un realismo magico, come quelle storie latinoamericane in cui personaggi perfettamente normali iniziano a volare senza motivo, e la realtà diventa magica. Riguarda anche la dimensionalità. Siamo ossessionati da ciò che Karl chiama “fragranze olografiche”. Una fragranza completamente naturale diventa quasi solida e piatta, stessa con un sintetico al 100%, in quanto perde il legame con i ricordi e gli spazi. Una fragranza veramente dimensionale viaggia in tutte le direzioni, come un ologramma. Questo può essere fatto solo mescolando sintetici con naturali, ed è la più grande conquista della Profumeria Moderna. Anche le molecole, grazie alla loro trasparenza e al loro carattere ultraterreno, tendono a mimetizzarsi meglio con la nostra pelle, e questo è ciò che crea quel senso di intimità delle fragranze della pelle.

Nell’immaginario collettivo le materie prime naturali sono costose mentre le molecole sintetiche sono economiche. Questo non può essere più lontano dalla verità. In realtà, alcune delle molecole più esclusive, conosciute come “prigioniere”, costano tanto quantoil  prezioso rizoma di iris. Anche se le molecole sintetiche sono prodotte in modo più efficiente dei naturali, i costi dei test di ricerca, sviluppo e sicurezza aggiungono un pesante fardello ai produttori. D’altra parte, il valore delle materie prime va oltre il prezzo al chilo. È importante aggiungere i costi di sostenibilità, impatto ambientale, qualità uniforme e approvvigionamento responsabile. È qui che le molecole stanno facendo la differenza, e sì, sono meno costose per il mondo.

Per quello che riguarda le fragranze di Nomenclature le molecole di sintesi definiscono il carattere principale della fragranza, mentre quelle naturali vengono aggiunte per arrotondarlo. È corretto?  Sì. Mentre i profumi tradizionali di solito collocano i naturali in cima alle loro strutture olfattive e le molecole come note di supporto, Nomenclature fa il contrario. Invertiamo questa struttura ponendo le molecole in cima come ingredienti stellari e aggiungendo naturali per migliorare e sigillare le note sintetiche. Il nostro processo creativo inizia con la molecola, quindi aggiungiamo alcuni altri ingredienti per costruire la storia.

Potresti descrivere le diverse molecole utilizzate in ciascuno dei profumi di Nomenclature e per ognuna di esse descrivere il tipo di odore che genera? Nomenclature celebra il design nella chimica dei profumi di mostra le molecole più ispiranti ed esclusive di oggi:

Orb_ital: Wood in Orbit
Molecola: Orbitone® (marchio Iso E Super)
Ammorbidisce altri materiali, attenua le tensioni tra muschio, legni e note floreali, e rende il profumo leggero come nuvole. Dall’inizio degli anni ’90, “l’odore legnoso-ambrato di Iso E Super ha plasmato e definito la profumeria moderna come quasi nessun altro materiale “, scrive il chimico della fragranza Philip Kraft.

Efflor_esce: The Flower of Angels
Molecola: Paradisone® (della famiglia Hedione)
Dall’odore floreale con tocchi di agrumi della famiglia Hedione: analogo di un composto naturalmente presente nel gelsomino, è stato uno dei materiali più utilizzati in profumeria. Paradisone®, é una molecola prigioniera brevettata nel 1996 da Firmenich, è la sua espressione più pura, preziosa e potente.

Adr_ett: Zero Gravity Musk
Molecola: Helvetolide®
Parte dell’ultima generazione di muschi sintetici (la più antica risale al 1888), Helvetolide® è particolarmente apprezzata per la sua deliziosa nota di pera, che ricorda l’ambretta, un muschio vegetale estratto dai semi di ibisco.

Iri_del: Urban Iris
Molecola: Iris aldeide
Con le sue sfaccettature di fresche che ricordano il cetriolo, e quelle terrose, leggermente simili alla pelle, che contrastano con l’effetto luminoso e pulito, questo composto organico moderno e potente si avvicina il più possibile al burro di orris senza strappare un campo di iris dalle radici e aspettando sei anni affinché ceda la sua fragranza.

Lumen_esce: Electric Violet
Molecola: Violettyne®
Violettyne® è la risposta del ventunesimo secolo al lato malinconico e polveroso della violetta, qui fin troppo brillante con una vibrazione metallica, bordata di verde fluorescente.

Shi_sõ: Pensare in verde
Molecola: Glycolierral®
Glycolierral® cattura il fresco profumo di una foglia di edera schiacciata – da qui il nome dato da Givaudan alla molecola, dal termine francese per “edera”, lierre.

Holy_wood: Glam Wood
Molecola: Clearwood®
Il primo ingrediente per profumi creato da White Biotechnology, Clearwood® è la risposta del 21 ° secolo al patchouli. Sviluppato in California per Firmenich, questo materiale sostenibile ed ecologico deriva dalla fermentazione della canna da zucchero. Sfocando il confine tra naturale e artificiale, il pioniere di Clearwood inaugura una nuova era per la profumeria.

Para_íso: In Search of Paradise (Estate 2018)
Molecola: Quincester®
Quincester®, é una molecola prigioniera sviluppata da Firmenich, trasmette l’acidità celestiale della mela cotogna, simile alla pera. “È nitido, vivace, così radioso che è quasi fluorescente!”, Afferma il profumiere Frank Voelkl.

Ci parleresti dell’ultimo profumo di Nomenclature, della molecola usata, del suo odore? Holy_wood è la fragranza preferita di Karl Bradl rispetto a tutte le precedenti creazioni di Nomenclature. Questa è una grande affermazione se si considera l’esperienza ultraventennale di Karl nella profumeria di nicchia e le sue molteplici creazioni di profumi pluripremiati. Siamo stati ispirati dalle innovazioni del New Cinema degli anni ’70 di Hollywood e dal classico accordo di quel decennio: Rose & Patchouli. I risvegli della New Age si mixano al glamour di Hollywood. Per questa fragranza, il profumiere Frank Voelkl ha presentato l’uber-innovativo Clearwood®. Questa molecola non è solo un sostituto bello e trasparente per patchouli, ma anche un grande esempio di produzione pulita e sostenibile di ingredienti per i profumi. Questa molecola è il prodotto della biotecnologia bianca: la fermentazione della canna da zucchero assistita da enzimi. Holy_wood è stato creato per i moderni intenditori, uomini o donne che vogliono modernità e innovazione, ma guardano al passato per trovare ispirazione.

Ci parleresti della sostenibilità legata alle molecole di sintesi? Gli ingredienti più tradizionali, tra cui i naturali, sono responsabili della sovra-raccolta delle risorse, dei processi di estrazione inquinanti, delle allergie e dei costi di cambiamento e della qualità. Le molecole di sintesi sono diventate il nuovo standard ecologico. Sono prodotte con efficienza, testate per anni prima di entrare nel mercato, uniformità e qualità garantite, e aggiungono valore artistico alle composizioni di profumi.