Natasha Slater: vi presento Girl Power, il succo per donne attive e indipendenti

PR, artista, DJ, ideatrice di ‘Punks Wear Prada‘, storica e iconica serata milanese, Natasha Slater é uno dei personaggi più noti ed influenti di Milano, nonché un vulcano di idee. L’ultimo progetto? Girl Power, un succo pensato per le mamme in carriera, come lei, e per tutte le donne sempre di corsa…

 

Come nasce l’idea di Girl POWER?  Girl Power è nato quasi per gioco: chiacchierando durante una Dinner Conservations con Sandra Nassima (CEO e Founder di Depuravita, il brand italiano di juicing e clean beauty. Ci siamo dette: ma di cosa ha bisogno una donna che va in ufficio, accompagna i figli a scuola, organizza la casa, fa la spesa, viaggia per lavoro? Di una carica! E così l’idea di un prodotto innovativo, un elisir energizzante dal colore rosa da tenere sempre in borsetta, ideale per sostenere tutte le donne attive e indipendenti nelle sfide di tutti i giorni.

Ci parli di GIRL POWER? Girl Power è un succo che combina le proprietà antiossidanti e il sapore ben bilanciato tra dolce e acidulo dei frutti di bosco con il guaranà, per una maggiore concentrazione mentale e una minore percezione della fatica. Il tutto reso remineralizzante, rigenerante e idratante grazie all’acqua di cocco. Un mix ben equilibrato per un succo speciale che racchiude l’essenza dell’avventura di essere donna: tonificante, stimolante ed energizzante. Il succo è disponibile negli store online di Depuravita e di Cortilia mentre lo si può trovare nei seguenti punti vendita a Milano presso il Centro Botanico, To Market, Avo Brothers e Poke House e a Torino presso Corte 30.

Sei anche la founder di Dinner Conversation, cosa ti ha spinto a creare questi incontri periodici di empowerment al femminile? Dopo esperienze nella moda e nella musica come DJ, avevo deciso di cambiare totalmente la mia vita, di focalizzarmi su qualcosa di veramente importante ma che riguardasse tutti noi da vicino. L’idea è stata quella di creare una piattaforma utile per condividere esperienze di business e di vita personale. Il tema forte è quello dell’equality: le donne, anche in ruoli manageriali, sono ancora pagate di meno, ci sono settori con leadership solo maschili. Voglio dare il via a un dialogo tra donne già affermate. Ecco perché ho coinvolto marchi con un punto di vista “femminista”, come Pomellato, che ha creato il progetto Pomellato For Women di cui Sabina Belli, Il CEO è promotrice. E poi ho cercato di creare gruppi con una buona quota di straniere perché Milano è ancora troppo chiusa con chi parla solo inglese. Mi piacciono le donne forti, che si reinventano, che non hanno paura. Sono una mamma single, un’imprenditrice, ho dovuto lavorare tanto su di me per avere la vita che ho.

Qual è il tuo motto? “Make it happen”: credo che le cose che ci capitano e la vita che viviamo non sia destino, siamo noi che creiamo ogni giorno il nostro destino con le scelte che prendiamo e l’energia che versiamo.

PR, DJ, artista, quale sarà il tuo prossimo progetto? Da poco ho aperto una filiale di Natasha Slater Studio a Londra, per espandere il business dell’agenzia e fornire alla nostra clientela italiana un supporto sul mercato inglese, a chi non ha mai approcciato la città oppure a chi ha bisogno semplicemente di visibilità. Mi piacerebbe che Londra fosse presto la location per una delle mie prossime Dinner Conversations, un progetto a cui tengo molto e che continuo a portare avanti con tenacia e passione.

Hai un’icona a cui ti ispiri?  Jane Fonda, Angela Davis, Stevie Nicks (cantante di Fleetwood Mac) Oprah Winfrey e Michelle Obama.

Sei nata e cresciuta a Londra, c’è una qualità che le donne inglesi hanno, ma che non hanno le italiane, e viceversa? Io non mi sento inglese ma londinese, credo che trascorrendo la maggior parte del mia vita a Londra la città mi abbia in qualche modo modellato. Noi londinesi siamo molto internazionali perché ogni giorno viviamo a contatto con milioni di persone di diversi background culturali, religiosi e etnici – siamo anche più “streetwise” perché siamo abituati a vivere in una grande città dove tante cose accadono velocemente, anche il tempo è imprevedibile quindi ti devi abituare ed adattare ai continui cambiamenti. La vita londinese può essere a volte molto dura e anche cruda ma ti fa vivere vicino a un pozzo di creatività perché non tutte le cose belle nascono belle.

Un prodotto beauty feticcio. Uso sempre Shiseido Bio Performance e detergo il viso con Grown Alchemist Facial Wash, questo rende la mia pelle sempre molto pulita e idratata. Nella mia borsetta invece non può mancare mai ovviamente il Girl Power!

Be first to comment

Rispondi