Oliver & Co: fragranze fuori dagli schemi

Un brand di fragranze di nicchia in cui profumo e packaging sono profondamente connessi e che rifugge dalle regole della classica profumeria. Alla scoperta di Oliver & Co.

Oliver Valverde é arrivato al mondo dei profumi per caso ma sin da subito ha avuto le idee chiare su come muoversi. Si é sempre occupato dell’intero processo creativo del suo brand Oliver & Co.: dal blend delle note olfattive al packaging, al fine di creare un legame profondo tra il mondo olfattivo e quello visivo. Profumiere autodidatta, Oliver ama la libertà di sperimentare e il suo modo di creare si discosta dalle regole dall’industria dei profumi, niente piramide olfattiva, la ricerca come fil rouge e il mix di molecole naturali e di sintesi inaspettate. Scopriamo insieme al suo creatore il brand Oliver & Co….

Da dove nasce la passione per le fragranze, é figlio d’arte? No. Mio padre é uno scultore e mia madre casalinga, ma ricordo di essere sempre stato affascinato dai laboratori e dagli esperimenti. Non sono un profumiere, ma sono un autodidatta; combino gli ingredienti e li stratifico secondo il mio istinto, e non ho nessuna referenza.

Quando ha deciso di creare una sua linea? Sono arrivato al mondo dei profumi per caso. Non avevo mai fatto caso al mondo degli odori e profumi, la mia passione allora era la musica, in particolare la tecno e chill, sono un ingegnere del suono, e a 21 anni mi sono trasferito dal Sud della Spagna a Barcellona, dove ho facevo anche il dj, e poi per arrotondare lavoravo in un negozio che vendeva caffè e tè, immerso tra la gli effluvi gourmand. Poi a 28 anni mi sono trasferito a Madrid e ho iniziato a studiare design e come hobby ho iniziato a fare esperimenti con la cera e gli oli essenziali, ben presto ho iniziato a vendere le candele in una serie di negozi a Madrid, per rendermi indipendente. Intanto continuavo a comprare materie prime e molecole su internet, e contemporaneamente avevo iniziato a disegnare le etichette e creare il logo. Mi sono reso conto che avevo tutto pronto per creare una mia linea. Così due anni dopo aver iniziato a vendere le candele ho creato anche i profumi e lanciato la mia linea. E’ stata una evoluzione naturale.

Crea lei le sue fragranze o collabora con qualche naso? Faccio tutto io, non solo le fragranze, ma seguo l’intero processo creativo, mentre ho una persona che si occupa della parte commerciale. Creo le formule dei profumi e poi mi appoggio ad un laboratorio fuori Barcellona che produce fragranze anche per altri brand, loro mi aiutano a riprodurre le formule in grande scala.

Come nasce l’ispirazione. E’ pura energia, e segue per lo più il momento; può essere una nuova idea una fotografia, come il caso della serie Nebula, che ho creato dopo aver visto la fotografia di una nebulosa fatta dall’Hubble, e ho cercato di trasformare l’emozione in un profumo, studiando anche un packaging particolare in un materiale plastico che riflettesse il concetto.

L’ingrediente che più l’ha colpita quando ha iniziato a lavorare nel mondo delle fragranze. La molecola di muschio di quercia, il primo ingrediente che ho scoperto, é molto naturale e ricorda l’odore della terra.

Tra le sue fragranze quale ama di più? M.O.U.S.S.E. perché é stata la prima. Come indole non sono mai soddisfatto e sono sempre alla ricerca di qualcosa di diverso.

I profumi di Oliver & Co. hanno una firma olfattiva? No assolutamente, non ho un ingrediente che uso in tutte le fragranze e che mi rappresenta, semmai il fil rouge che lega le fragranze é il loro essere particolari con un carattere forte.

Ci racconta il processo creativo che segue ad ogni fragranza? tutto nasce da nome, a cui segue la formula della fragranza, non seguo le regole della profumeria classica, e non mi ispiro al passato o a ricordi, mi guida la libertà di creare e di andare oltre i limiti, per appagare la mia curiosità. Infine una volta creato il profumo passo al processo creativo del packaging diverso per ogni serie. Per Illustrated Series delle stampe botaniche che riflettono la ricerca olfattiva sulle materie prime naturali e per Nebula Series una bottiglia in metacrilato trasparente che lascia intravedere il profumo con l’immagine della nebulosa come la vista che si ha dall’oblò di una navicella spaziale…