Perfume Questionnaire: Karl Bradl e Robert Gestner

Il mondo olfattivo, in immagini, di Karl Bradl e Robert Gerstner creatori del brand di fragranze di nicchia Aedes de Venustas, nel nostro Perfume Questionnaire.

Aedes de Venustas a New York è una boutique cult di profumeria, nel cuore del Village, meta imperdibile per appassionati di profumi rari e mecca di celebrities alla ricerca di fragranze uniche. Più che una profumeria Aedes de Venustas è una sorta di galleria d’arte olfattiva, opulenta e raffinata aperta alla sperimentazione, creata da Karl Bradl, a sinistra nella foto, e Robert Gerstner. Ma Aedes de Venustas é anche una linea di fragranze di nicchia, lanciata poche stagioni fa dal duo, che ha riscontrato subito successo tra i clienti e gli addetti al settore, venduta non solo nella boutique omonima ma anche nelle più importanti profumerie del mondo (In Italia il brand è distribuito da Essenses). Abbiamo chiesto a Karl Bradl e Robert Gerstner di parlarci delle loro memorie olfattive e del loro mondo degli odori nel nostro Perfume Questionnaire e abbiamo scoperto….

Risponde Karl Bradl, co-Fondatore Aedes De Venustas, (nella foto a sinistra)

Un odore dell’infanzia. Campi di camomilla.

Odore preferito. Quello della foresta.

Un odore di cibo che ama. Quello della torta che cuoce nel forno.

Un odore che odia. Il mercato del pesce all’aperto durante l’estate. Troppo odore da gestire.

Se fosse un odore? Una fragranza molto complessa con 100 ingredienti.

C’è un ingrediente nella vostre creazione che considera essenziale? L’incenso.

Un odore senza cui non può vivere. Incenso.

La cosa peggiore che ha annusato. Tutto ciò che è marcio.

Tre odori e gli eventi del passato che le riportano alla tua mente. L’odore di una foresta umida alla ricerca di funghi con mia mamma. L’odore di nuovo, di una casa appena costruita, dove ci trasferimmo da bambino. L’odore quando si arriva nel souk di Marrakech.

L’odore della sua città. New York ha così tanti odori, alcuni buoni altri cattivi; dal mercato dei fiori, che frequento molto, a quello delle auto, la metropolitana, rifiuti etc.

 

Se fosse un fiore? Una rosa di maggio. Il momento preferito dell’anno.

Due luoghi di cui ama l’odore. Sud della Francia e Hawaii.

L’odore della sua casa. In questo periodo evito di usare fragranze da interni o altre forme di profumazione dato che a casa porto diverse fragranze da valutare.

Quale delle vostre creazioni ama di più e quale indossa? E’ come quando si ha dei figli, impossibile scegliere un preferito. Li amo tutti. Attualmente sto indossando la fragranza sui cui sto lavorando.

Quale dei tuoi suoi sensi ha maggiore influenza sul suo lavoro? Sicuramente il senso della vista.

Robert Gerstner e il suo mondo olfattivo:

Prima memoria legata al mondo dei profumi. Chanel n°5, indossato da mia nonna.

Un odore della sua infanzia. Quello della stanza del bucato.

Odore preferito. Quello della spiaggia.

Un odore di cibo che ama. Maiale bavarese e gnocchi.

Un odore che odia. Oud.

L’odore peggiore che ha mai annusato. Tutto l’Oud.

Se fosse un odore? Incenso.

Un odore senza cui non può vivere. Incenso.

C’è un ingrediente nella vostre creazioni che considera essenziale? L’incenso, è antico, misterioso, deriva da pro-fumare in latino, veniva usato per comunicare con gli dei bruciandolo; usiamo questa fragranza per comunicare con il mondo.

Se fosse un fiore? Caprifoglio.

L’odore della sua casa. Profuma di pulito.

3 odori e gli eventi del passato che le riportano alla mente. La spiaggia quando ero bambino, l’odore di cibo durante il viaggio, il giardino dove ho trascorso molto tempo con i miei nonni.

L’odore della sua città. Vengo da Monaco di Baviera, l’odore che mi ricorda la città è quello della birra, naturalmente, e i suoi ingredienti.

Due luoghi che ama per l’odore. Mustique (spiagge) e Grasse (con la sua natura).

Quale dei suoi altri sensi ha la maggiore influenza sul suo lavoro? La vista.

Quale delle vostre creazioni ama di più? Tutti, ma Copal Azur é uno dei miei preferiti, solitamente però indosso quello su cui stiamo lavorando.

 

 

 

Be first to comment

Rispondi