Capelli: I tagli iconici che hanno fatto storia

I tagli di capelli iconici che hanno fatto la storia dell’hair styling.

Ci sono tagli di capelli che rimarranno per sempre impressi nell’immaginario collettivo. Tagli di capelli che hanno segnato un’epoca come il caschetto geometrico perfetto di Louise Brooks negli anni ’20, ancora così prepotentemente attuale. E’ stato nel corso dei decenni di ispirazione per diverse generazioni di donne e tratto distintivo della celebre eroina dei fumetti Valentina di Guido Crepax. Tagli di capelli che hanno consacrato attrici diventate icone e che di quel particolare taglio ne hanno fatto hanno fatto il proprio trademark. Vedi i capelli ondulati della conturbante Veronica Lake, lo spettinato ad arte di Jane Birkin e Brigitte Bardot o il taglio alla garçonne della modella Twiggy. Tutti tagli che rappresentano, ancora oggi, una referenza per chi lavora nel mondo dell’hair styling. L’ondulato della Lake, per esempio, è tra le acconciature più gettonate, dalle celebrities hollywoodiane per il red carpet. C’è chi poi come Mia Farrow è andata controcorrente passando dal taglio cortissimo, diventato iconico, e riportato in voga nelle scorse stagioni dalle attrici Michelle Williams, Natalie Portman e Emma Watson, ad un carré a cui è rimasta fedele per anni. Una scelta infelice dato che nell’immaginario collettivo lei rimarrà per sempre la ragazza androgina del film Rosemary’s Baby.