Inquinamento: come pulire la pelle a fondo con la Collection des Démaquillants de Chanel Skincare.

Chanel riformula la linea di detergenza con l’obiettivo di eliminare dalla pelle anche le tracce dell’inquinamento ambientale. E di renderla più forte. Scopriamo insieme la Collection des Démaquillants de Chanel Skincare

di Angela Croce

Dici Chanel e pensi subito ai meravigliosi profumi e all’elegantissimo make-up … A chi fosse sfuggito, la Recherche Chanel ha consolidato il marchio creando, negli anni, moltissimi trattamenti per il viso. La scienza cosmetica è un mondo affascinate e istruttivo, la sa bene chi si occupa di bellezza come me perché ha la possibilità di conoscere i retroscena scientifici dei vari prodotti: dalla scelta di esclusivi principi attivi (la loro provenienza, come sono stati scoperti, per quanti anni sono stati studiati) ai test di laboratorio che ne confermano l’efficacia sui vari problemi cutanei, ai test di autovalutazione condotti su panel di donne che danno il loro parere sul reale risultato dei trattamenti espresso in percentuali, sulla piacevolezza della profumazione e delle texture.

Questo iter rigoroso è stato rispettato anche per La Collection des Démaquillants de Chanel Skincare. Una corretta detergenza appena sveglie e alla sera prima di andare a letto è il primo beauty step (il secondo è l’idratazione) per conservare nel tempo una pelle sana che risplende di luce. Visto che il lifestyle moderno ci fa fare i conti con il pericoloso inquinamento atmosferico (e non solo in città) con il suo bagaglio di polveri sottili &Co… ben venga che questi detergenti siano formulati con una micro-alga blu marina (Phormidium persicinum) dall’azione detox e antiossidante, che aiuta a proteggere le cellule cutanee dai micro-stress causati dall’ambiente ostile, e con l’estratto di salicornia marina, piccola pianta che cresce nelle saline, in grado di rendere più forte la pelle stimolando la sintesi d’idratazione naturale. Un consiglio spassionato: essere costanti nel rituale di pulizia quotidiano. Regola che vale anche per le più giovani che, per ora, all’invecchiamento cutaneo non pensano di sicuro. Eviterebbero, in un futuro non troppo lontano, di ritrovarsi con il colorito spento, i pori dilatati e i primi segni del tempo. Tra i numerosi fattori responsabili dell’aging precoce, c’è in testa proprio l’inquinamento dell’aria.

Per questi 3 detergenti, le gestualità di applicazione sono le stesse: erogare più dosi di prodotto nell’incavo della mano, massaggiarlo sul viso con movimenti circolari, poi passarlo su labbra, palpebre e ciglia, effettuando piccoli cerchi con i polpastrelli.

L’Huile Antipollution: olio detergente, formulato con oli di origine naturale delicatissimi, al contatto con l’acqua si trasforma in una schiuma leggera e setosa, da risciacquare.

Le Lait Antipollution: latte detergente dalla texture avvolgente, che regala gran comfort alla pelle. Si rimuove con un dischetto di cotone.

Le Lait Fraicheur d’Eau Antipollution: sulla pelle si trasforma in un fluido freschissimo come l’acqua. Si rimuove con un dischetto di cotone.

La Mousse Antipollution: la sua consistenza cremosa, a contatto dell’acqua, diventa una generosa schiuma. Si preleva una piccola dose di prodotto e si emulsiona con l’acqua nell’incavo della mano, si applica su tutto il viso evitando il contorno occhi. Si massaggia con movimenti circolari, si risciacqua abbondantemente. Infine, si asciuga la pelle.

Le Tonique Antipollution: questa acqua tonificante completa il rituale di pulizia eliminando le ultime tracce di trucco e impurità. Imbibire un dischetto di cotone di tonico, poi passarlo in modo delicato su viso e collo ben detersi.

La Collection des Démaquillants de Chanel Skincare è dedicata a tutti i tipi di pelle, ogni prodotto costa 37 euro