Le Teint Encre de Peau: backstage

Le curiosità dietro la creazione di uno dei prodotti cult di makeup: Le Teint Encre de Peau di YSL Beauté

di Vanessa Caputo

Ci sono prodotti il cui nome è evocativo come le “Le Teint Encre de Peau” fondotinta cult di YSL Beauté, amatissimo dalle blogger di tutto il mondo per la sua impalpabilità e tenuta. Ma cosa si cela dietro un prodotto come Le Teint Encre de Peau? Da dove nasce il suo nome, perché è stato scelto questo packaging? A questo ed altre curiosità ha risposto Valter Gazzano National Makeup Artist YSL Makeup

Ispirazione: l’ispirazione della formula, come fa intuire il nome,  é l’inchiostro. Chi é solito prendere appunti con la penna sa che quando si scrive spesso ci si sporca di inchiostro, ma é talmente leggero che non ci se ne rende conto, e nello stesso tempo è difficile da eliminare, quasi come un tatuaggio. L’idea quindi era creare un fondotinta che allo stesso modo dell’inchiostro non si percepisce, ma al contempo perdura sulla pelle rendendola però luminosa.

Un’esigenza che nasce dalle richieste del mercato dato che, secondo ricerche,  le donne cercano un fondotinta a lunga tenuta, che copra senza vedersi e che non si percepisca, ma che non metti in evidenza difetti della pelle.

Il packaging: si ispira ai vecchi calamai, una boccetta in vetro nero con tappo che si svita, ma con una parte trasparente per creare un effetto vedo non vedo. L’applicatore ricorda un pennino per scrivere e permette di prelevare la giusta dose di fondotinta, proprio come il pennino preleva la giusta quantità l’inchiostro, e lo si applica con otto tocchi piccolissimi, 2 al centro del viso, 2 per ogni guancia, uno sul naso e uno sul mento sfumandolo poi con le mani.