Parrucchieri celebri: Monsieur Antoine

I parrucchieri che hanno fatto storia. Monsieur Antoine, inventore del taglio alla garçonne, o caschetto.

Prima di Vidal Sassoon ci fu Antoni Cierplikowski, meglio conosciuto come “Antoine di Parigi” (1884 – 1976) o Monsieur Antoine. Fu il parrucchiere più importante del mondo durante la prima metà del 1900 con una lista di clienti illustri come la duchessa di Windsor, Greta Garbo, Sarah Bernhardt, Eleonora Duse, Mata Hari, Coco Chanel e l’aristocrazia dell’epoca. Si trasferì da Lodz in Polonia, dove imparò il mestiere nel salone dello zio, a Parigi nel 1901 e creò un impero di 67 saloni, visitati da cinque milioni di donne all’anno, che si estendeva da Hollywood a Parigi, passando per Melbourne. Fu un innovatore e l’inventore del Bob. Nel 1910, l’attrice Eve Lavalliere, che aveva superato i quarant’anni, chiese ad Antoine un taglio per ringiovanirla, in vista di un’audizione per il ruolo di una diciottenne. L’ispirazione venne da una ragazzina che portò la posta all’attrice dai capelli cortissimi con frangia. Il taglio fu un successo, divenne popolare tra le flapper e venne adottato da Louise Brooks, stella del cinema muto. Alla lista delle sue clienti famose si aggiunsero anche Josephine Baker e Edith Piaf. Fu il primo a tingere i capelli grigi. Fu Lady Mendl a dargli l’idea perchè chiese ad Antoine consiglio sulle sue chiome che stavano ingrigendo. Antoine provò una tintura blu sul suo cane e lo portò in giro per le strade di Parigi facendo sensazione e decise di tingere i capelli della Lady di blu. Anche in questo caso fu un trionfo. Monsieur Antoine fu anche il primo parrucchiere ad applicare una lacca per capelli come fissativo e a realizzare i riflessi biondi. Nel 1924 aprì il primo salone in America da Saks Fifth Avenue a New York, diventando il salone di capelli più alla moda negli Stati Uniti. Il picco della carriera di Antoine fu l’incoronazione di Re Giorgio VI e la regina Elisabetta nel 1937, durante questo evento supervisionò 400 acconciature in una notte.

 

Be first to comment

Rispondi