Struccanti viso, con formule green, in gel, crema e olio: come sceglierli in base al tipo di pelle

Bye bye latte detergente o acqua micellare. Il nuovo trend per la pulizia del viso vede detergenti in olio, crema o gel seguiti da un tonico. Ecco quali scegliere in base al tipo di pelle e qualche suggerimento cosmetico a vocazione naturale

di Angela Croce

Questo slideshow richiede JavaScript.

Difficile districarsi tra le mille proposte che il mercato cosmetico ci propone. Anche “l’operazione strucco” non è così semplice come sembrerebbe. Punto fondamentale: conoscere il proprio tipo di pelle, sapendo che, al cambio di stagione e con il passare degli anni, la pelle può modificarsi. E’ necessario quindi assecondarla variando sia i prodotti usati per il trattamento vero e proprio sia per il rituale di detergenza.

Pelle matura
Dai 45 anni in poi, la pelle diventa più fragile e meno luminosa, in qualche caso anche più secca. Per colpa degli estrogeni che cominciano a diminuire, la zona T (fronte, naso, mento) e la parte centrale delle guance si fanno più oleose, Il film idrolipidico è più sottile e meno uniforme, rallenta anche il processo di rinnovamento naturale epidermico. Gli struccanti più indicati? Sempre delicati, meglio le texture cremose ma non pesanti. Tonico rigorosamente senza alcol. Fare con regolarità, secondo necessità, anche una buona esfoliazione per rendere la grana più omogenea.

Purifying Cleansing Beauty Cream di Twelve: un detergente in crema nutre e ripara grazie all’elevata concentrazione di squalano. Rimuove il trucco e le impurità causate dall’inquinamento ambientale senza alterare la fisiologia dell’epidermide. Formulato con un’esclusiva selezione di principi attivi che proteggono dallo stress ossidativo.

Age Prevention Superfood Cleanser di Youth To The People a base di superfood come cavolo, spinaci e tè verde

Ultimate Brightening Rose Powder Cleanser di Uma Oils un detergente in polvere con un mix di fiori e spezie che nutre, deterge ed esfolia

Pelle mista/grassa
Lucida e asciutta, allo stesso tempo. Il suo film idrolipidico è poco omogeneo, la zona T (fronte, naso, mento) tende a essere oleosa mentre il resto del viso risulta più opaco o addirittura secco. Gli ormoni e lo stress sollecitano un aumento e la modificazione del sebo. La conseguenza: comedoni chiusi (punti bianchi), aperti (punti neri) e pori dilatati. Per la pulizia: no a detergenti aggressivi, ok a tonici riequilibranti. Bene anche a due gommage la settimana: la prima volta su tutto il viso, la seconda insistendo solo sulla zona T.

Carrot Butter Cleanser di The Organic Pharmacy burro detergente che rimuove anche il make up occhi con Rosmarino, carota e burro di karitè

Complete Moisture Cleanse di Josh Rosebrook: detergente in schiuma 100% naturale con estratti vegetali attivi e oli organici. Bilancia la produzione di sebo e riequilibra il film naturale della pelle.

Cleansing Gel di Susanne Kaufmann gel detergente con erbe alpine dall’effetto calmante e antibatterico e tensioattivi vegetali derivati dallo zucchero

Pelle impura (o problematica?) con acne estiva
E’ la versione più critica della pelle mista/grassa. In questo caso, tutti i problemi: oleosità, brufoli, punti neri e bianchi sono più accentuati. In più, in alcuni casi, ci si mette anche l’acne da sole, un’infiammazione che si verifica soprattutto durante il periodo più caldo. Il sole incrementa infatti l’attività sebacea profonda che provoca, di conseguenza, un ispessimento cutaneo in superficie che restringe i pori e blocca il sebo sottopelle. Dedicati a questo tipo di pelle, detergenti speciali che rimuovono le impurità, calmano le irritazioni e assorbono il sebo in eccesso regolandone la produzione più tonici delicati normalizzanti. Almeno una volta a settimana, sarebbe bene fare una maschera di pulizia detossinante, antinfiammatoria e illuminante.

Detox Face Wash di APoEM: detergente leggero che non fa schiuma, pulisce la pelle e i pori in profondità eliminando tossine, iperproduzione sebacea, trucco. Arricchito con oli aromatici come tea tree e mandarino per prevenire l’acne e brufoli. Profuma di agrumi.

Blemish Clearing Cleanser di Juice Beauty  con salvia, tarassaco e melissa, dall’azione purificante, acidi di limone e di ciliegia dall’azione schiarente. Alghe e aloe vera emolienti e idratanti.

Foaming Cleanser di Kora Organics un detergente in schiuma con ingredienti biologici certificati, una formula senza sapone che contiene aloe vera, tè verde e legno di sandalo.

Pelle sensibile
Molte donne lamentano di avere la pelle sensibile. In realtà, è la pelle normale, secca, grassa o mista che può sensibilizzarsi nel tempo. Quando il film idrolipidico, lo strato protettivo superficiale, perde la sua integrità, la pelle può reagire, per esempio, arrossendo al freddo o al caldo eccessivi. Poi, il contatto con certe sostanze presenti nei detergenti oppure detergenti troppo aggressivi o usati male (troppo prodotto, strofinato con forza sulla pelle); non struccarsi quando si va a letto oppure non idratare la pelle in modo adeguato. Anche le esposizioni solari indiscriminate sono da bandire. Per la pulizia, affidarsi soprattutto a detergenti lenitivi.  Gommage: una o due volte la settimana per eliminare le cellule morte e ritrovare luminosità.

The Method: Cleanse Sensitive Dehydrated Skin di Lancer formula ultra delicata è arricchita con estratti di avena e camomilla e fitocomposti di liquirizia per ridurre il rossore e eliminare le impurità. Senza parabeni e ftalati

Parsley Seed Facial Cleansing Oil di Aesop con semi di macadamia, e beta-carotene, la formula calma e idrata

Cleanser Dr. Barbara Strum una formula in schiua creata da una specialista in medicina estetica, contiene portulaca per lenire e calmare le irritazioni e succo di foglie di aloe per riparare e rigenerare le cellule danneggiate

Pelle normale
Che dire, è una pelle fortunata. Non troppo asciutta, mai lucida, non “tira”, il colorito è omogeneo, niente pori dilatati. Il film idrolipidico ha uno spessore uniforme ovunque e la distribuzione di ghiandole sebacee è ideale. Al mattino si può detergere con saponi non aggressivi, formulati con sostanze idratanti, oppure con latte detergente o detergenti a risciacquo, salviette umidificate (non d’abitutdine, però) e l’acqua micellare.

A Perfect World Cleanser Origins una schiuma detergente con te bianco, ricco di antiossidanti

Bjork&Berries Gentle and Nourishing Cleansing Gel Formula detergente in gel con argilla rosa contro le irritazioni elimina tossine e impurità in modo delicato

Hydro Effect Cleansing Balm di Lavera detergente in crema che contiene un complesso di ingredienti anti-inquinamento e con olio di oliva biologico

 

Pelle secca
Ha poche ghiandole sebacee, la sua struttura è più sottile rispetto agli altri tipi di pelle. Spesso appare opaca e grigiastra a causa di un eccesso di cellule morte, in superficie. Il suo film idrolipidico è poco uniforme e omogeneo. Per detergerla, i prodotti più indicati sono quelli cremosi o oleosi, totalmente controindicati i tonici alcolici che la seccherebbero ancora di più.

Skincare Nourishing Oil Cleanser Tata Harper: una miscela di oli biocompatibili che eliminano il trucco e rimuovono le impurità quotidiana, lasciando intatta la barriera idrolipidica.  Purifica la pelle mentre la nutre con betacarotene, vitamine A, C, E, licopene e omega 3. Ideale anche per la pelle disidratata e i climi secchi.

Orange Flower Facial Wash Neal’s Yard Remedies un detergente in crema con olio di jojoba che nutre ed ammorbidisce la pelle. Calendula che lenisce e ripara e ylang ylang che migliora il colore della pelle.

Olio Trattante Struccante di Caudalie  con oli vegetali,  100% di origine naturale rimuove anche il trucco waterproof senza ungere.