Rosacea: Come si riconosce? Quali prodotti usare? L’abbiamo chiesto alla Dott.ssa Mariuccia Bucci, nota dermatologa milanese

Rosacea. Come si riconosce? Come si manifesta? Quali prodotti usare? Di questo e moto altro ancora abbiamo parlato con la Dott.ssa Mariuccia Bucci, nota dermatologa milanese.

Rosacea: sintomi

Rosacea, che cos’è? Una patologia infiammatoria cronica della cute. Se non curata diventa irreversibile.

Come si manifesta? E’ un’infiammazione progressiva che si manifesta con arrossamento temporaneo (dai 3 ai 10 minuti), persistente e diffuso, su naso e gote. Ma anche bruciore, prurito, sensazione di secchezza cutanea. Problematiche che si acuiscono con gli sbalzi di temperatura e l’assunzione di cibi piccati, bevande alcoliche, caffé. Nella fase successiva, detta di eritrosi, il rossore sulla parte centrale del volto diventa fisso, per almeno più di 3 mesi. In più i capillari diventano visibili, e spesso si accompagna anche ad un fastidio agli occhi.  La presenza di secchezza oculare, rossore, bruciore, definita come rosacea oculare. La fase finale vede il rossore stabile, la couperose, e la formazione di papule/ pustole, e viene definita acne rosacea.

Categorie a rischio. Sicuramente esiste una predisposizione alla rosacea. Colpisce soprattutto le donne con la pelle chiara, secca, sensibile, con problemi di fragilità capillare, ma anche chi lavora davanti a fonti di calore, come in lavanderia o le cuoche.

Terapia. Cambia in base alle fasi. Detersione e idratazione rimangono un punto fisso comune a tutte le fasi. Nella seconda fase, quella di eritrosi, il dermatologo procede con una terapia anti infiammatoria.

Rosacea: la beauty routine

Beauty routine. La cute affetta da rosacea va trattata come una cute sensibile, molto reattiva e intollerante a tutti i fattori ambientali, (sole alternanza freddo/caldo) e ai cosmetici troppo aggressivi. Le pelli soggette a rosacea hanno un film idrolipidico poco sviluppato. I prodotti da prediligere hanno pochi ingredienti, texture fluida, e ingredienti lenitivi, che normalizzano la funzione barriera della pelle e hanno un’azione anti infiammatoria.

Detersione: preferire i detergenti con PH fisiologico che non sgrassano la pelle. Quelli che contengono oli vegetali, glicerolo e ceramidi. Non usare solo acqua perché secca la pelle, ma detergenti per affinità, oli e latte detergente senza tensioattivi, i syndet.

Creme: devono essere emulsioni olio acqua specifiche per pelli sensibili. Tra gli ingredienti da preferire ceramidi, bioflavonoidi, Vitamina C, probiotici, acido glicirretico, hamamelis.

SPF. Da preferire i filtri fisici contenenti ossido di zinco e titanio perché non creano problemi a questo tipo di pelle.

Beauty routine, gli errori da non fare: Utilizzare creme grasse. Sulla pelle secca e arrossata hanno effetto occlusivo e peggiorano la situazione. Utilizzare detergenti con tensioattivi. Usare prodotti che contengono emulsionanti, profumi, conservanti che sono irritanti per questo tipo di pelle. Evitare di usare il tonico perché elimina il film idrolipidico. No agli acidi e prodotti esfolianti.

I trattamenti e gli integratori che aiutano

Attivi che aiutano: Licochalcone A, butilcicloesanolo, Glycyrrhiza glabra and Glycyrrhiza inflata, rusco ruscus

Da evitare. Docce bollenti e bagni caldi lunghi. Fare attenzione agli sbalzi di temperatura. L’esposizione al sole. I cibi piccanti, gli alcolici, caffé, bevande calde e tutto ciò che attiva la vaso dilatazione.

Trattamenti che possono aiutare. Il laser che per un po ferma il problema.

Integratori che aiutano. Da assumere nei mesi estivi e quelli invernali integratori a base di centella, bioflavonoisi, mirtillo, ginko biloba. E tutti quelli che vengono usati per attivare il microcircolo, in quanto fortificano le pareti vasali.

 

 

 

More from Vanessa Caputo
Rahua: Anna Ayers
Abbiamo intervistato Anna Ayers, moglie di Fabian Lliguin, famoso hair stylist e...
Read More

Rispondi