Denti: gli alimenti che li sbiancano naturalmente

Soluzioni naturali per avere un sorriso smagliante a prova di macchia….

1) Fragole: anche se di colore rosso vivo contengono acido malico, che agisce come un astringente naturale per rimuovere dal dente la superficie scolorita.

2) Semi e noci da masticare: leggermente abrasivi strofinano la placca e le macchie sulla superficie dei denti. Senza contare che qualche mandorla a metà pomeriggio, come spuntino, ricca di proteine e grassi sani, blocca la fame e aiuta a sbiancare i denti.

3) Mele: la loro croccantezza rafforza le gengive, e il loro alto contenuto di acqua aumenta la produzione di saliva, disperdendo e neutralizzando le colonie di batteri che portano alito cattivo e placca.

4) Sedano e carote: lo stesso alto contenuto di acqua che rende queste verdure gli snack perfetti nelle diete aiuta anche a sbiancare i denti, stimolando la produzione di saliva, che aiuta a lavare via i residui di cibo e a rafforzare le gengive.

5) Formaggi, latte e yogurt: un concentrato di calcio, che rafforza denti e gengive,rendendo lo smalto più sano e più bianco. Inoltre, la maggior parte dei formaggi sono incolori e non macchiano i denti. Attente alla linea però.

6) Arance:  contengono un acido che può portare via lo smalto dei denti, se ingerite però in grandi dosi. Inserirle giornalmente nella nostra dieta  aiuta a mantenere il bianco perlaceo dei denti, e grazie al contenuto di vitamina C, di cui sono ricche, ne beneficia anche la salute.

7) Pere: sgranocchiare una pera neutralizza fastidiosi odori e le colonie di batteri sui denti. In più genera l’aumento della produzione di saliva che lava anche via i residui di cibo, lasciando i denti puliti.

8) Acqua: bere acqua mantiene la bocca idratata e il sorriso luminoso. Se la sorseggiate tra un bicchiere di vino e l’altro e quando mangiate cibi scuri, vi aiutera ad evitare macchie pigmentate. Tuttavia, mentre l’acqua riduce l’acidità in bocca l’uso di acqua eccessivamente frizzante, erode smalto e danneggia i denti.

Be first to comment

Rispondi