Questionario Olfattivo: Bertrand Duchaufour

Il mondo degli odori di Bertrand Duchaufour, naso di L’Artisan Parfumeur, nel nostro questionario olfattivo

di Vanessa Caputo

 

 

Bertrand Duchaufour ha iniziato la carriera di profumiere a Grasse nel 1985. Dopo aver esordito presso Lautier-Florasynth, ha lavorato per Créations Aromatiques e poi per Symrise. Ha creato fragranze per Penhaligon’s, Acqua di Parma e Comme des Garçons e molte altre maison di profumeria dal 2008 lavora esclusivamente per L’Artisan Parfumeur, dove si occupa dei profumi su misura e altri progetti speciali. Per lui, la creazione di un profumo è una forma d’arte, espressione di vita, la fragranza che riflette le emozioni delle generazioni passate e future. Le sue ultime creazioni per L’Artisan Parfumeur sono re suggestive eau de parfum dell’iconica collezione Explosions d’Emotions: Rappelle-Toi, Onde SensuelleHaute Voltige. Appassionato di arte, soprattutto di quella primitiva, Bertrand Duchaufour è anche un grande viaggiatore, l’abbiamo intervistato sul mondo delle fragranze ed ecco le sue risposte al nostro questionario olfattivo:

Un odore dell’infanzia.
La terra (humus), il più forte di tutti gli odori,  l’odore della fattoria, e quello delle rose di mia nonna.

Primo profumo indossato.
Givenchy Gentlemen.

Profumo preferito.
Le foglie di patchouli o le radici del vetyver.

Un odore di cibo che ama.
Carambola, il frutto a forma di stella, quando è maturo e fantastico, le nocciole tostate.

Un odore che odia.
L’urina.

Se fosse un profumo quale sarebbe?
Uno dei miei, preferibilmente alla fine dei miei giorni.

Fiore preferito.
Orchidea, la regina di tutti i fiori, la più aggraziata, la più forte perchè è adattabile e la più varia nelle forme colore e profumo. 

Un profumo che le sarebbe piaciuto inventare.
Mitsouko, o Dior Homme.

Il profumo della sua casa.
Un profumo di legno africano per via della presenza della collezione di maschere africane e di statue. 

Profumo preferito.
Ancora Mitsouko.

Colleziona qualcosa?
Arte Africana, dipinti tantrici tibetani e mobili scolpiti.

Blog o sito internet preferito.
Grain de musc sicuramente. Non ne conosco altri…

Be first to comment

Rispondi