Viaggio olfattivo: Gilles Thevenin

Viaggio olfattivo nel mondo delle fragranze e degli odori di Gilles Thevenin proprietario di Lubin, maison di profumi fondata nel 1798

 

 

Appassionato di fragranze, erudita nell’arte della profumeria Gilles Thevenin, ex Direttore Creativo di Guerlain, ha acquistato più di una decade fa la Maison Lubin, perfume houses francese fondata nel 1798 da un allievo di Fargeon, profumiere della Regina Maria Antonietta. Un’azienda storica che era finita nell’oblio e che Gilles Thevenin ha trasformato in un brand di nicchia super esclusivo, rivisitando alcune delle più significanti formule che appartengono al glorioso passato di Lubin, e collaborando con i maestri profumieri più virtuosi. Le creazioni di Lubin sono distribuite in Italia da Beauty San e si possono trovare in in selezionatissimi punti vendita. .Abbiamo intervistato Monsieur Thevenin sulle origini di Lubin e sul suo universo dei profumi e odori.

Ci può raccontare la storia dei profumi Lubin?
La maison Lubin è stata fondata a Parigi, poco dopo la Rivoluzione Francese, da Pierre-Francois Lubin apprendista di Fargeon, il profumiere della regina Maria Antoinette e considerato il fondatore della profumeria moderna. Dopo la morte di Fargeon nel 1806, e in particolare quando i Re francesi tornarono al potere, Lubin divenne un profumiere di grande successo, fornitore della maggior parte delle corti reali e imperiali in Europa. Allo stesso tempo Pierre -François Lubin e i suoi eredi furono molto avventurosi: viaggiarono molto e i profumi Lubin sono stati esportati in tutto il mondo. Nei primi anni del 1830 Lubin era il profumiere delle vecchie piantagioni del Sud, negli Stati Uniti, spesso di proprietà di famiglie aristocratiche di origine francese. Lubin fu acquistata da Felix Prot nel 1844, e venduta poi dai suoi pronipoti, dopo 125 anni , nel 1970. La stessa famiglia, 2 dei figli dell’ultimo presidente , Paul Prot, hanno deciso di unirsi al gruppo quando l’ho acquistata 10 anni fa. Da una grande azienda internazionale, come era all’inizio del XX secolo, è stata ridimensionata in una maison di profumi  riservata ed esclusiva.

Quali delle più antiche fragranze Lubin è ancora in produzione? 
Black Jade che non è in realtà una vera e propria creazione originale Lubin, ma patrimonio del Maestro profumiere Fargeon, creato probabilmente intorno al 1786 per la Regina Maria Antonietta.

E’ la stessa formula ?
La formula originale è stato utilizzata da Lubin sotto nomi diversi, in tempi diversi, l’ultima delle quali “Jardin Secret” nel 1930. Non è la stessa formula, soprattutto perché in Europa il cosiddetto ” regolamento sanitario ” è sempre più restrittive per ciò che concerne gli ingredienti naturali . L’odore però è molto ispirato da quella originale, creato per la regina Maria Antonietta da Fargeon.

Un odore dell’infanzia.
Il giardino della mia bisnonna: profumava di fragole fresche e piccole rose selvatiche. E poi il suo odore un delicato e old fashioned mughetto.

Primo profumo indossato.
Il primo profumo che ricordo di aver indossato é Armani pour Homme, lo indossavo praticamente tutti i giorni. Mi piace ancora molto, ma adesso preferisco indossare i miei profumi Lubin e in particolare Vetiver e Galaad.

Odore preferito.
L’odore della pelle di alcune donne a volte può farmi impazzire. Poi mi trasformo in un lupo mannaro.

Un odore di cibo che ama.
Quello di una tipica colazione francese: croissant al burro appena sfornati insieme al caffè appena macinato .

Un odore che odia.
Quello di un qualsiasi negozio Sephora nel pomeriggio, una volta che ogni singola fragranza disponibile sugli scaffali è stata spruzzato in giro. Un incubo.

Se lei fosse un profumo?
L’odore di una mattina d’autunno in un bosco di querce. Oppure l’aroma di un whisky di malto scozzese invecchiato 20 anni o di più .

Fiore preferito.
” Petite fleur “, interpretato da Sydney Bechet.

Un profumo che avrebbe voluto inventare.
Sono 3: l’Heure Bleue di Guerlain, Aromatics Elixir di Clinique e Chanel N°19. Classici di tutti i tempi. Ma le loro formule originali sono in forte pericolo a causa della stupidità dei tecnocrati europei.

L’odore della sua casa.
E’ quello di un’antica biblioteca: libri antichi. Brucio spesso candele profumate o oli essenziali. Legno di pino e patchouli, legno di cedro e gli oli Vetiver. Io sono abituato, ma la miscela di tutto questo deve essere molto strana per certe persone .

Se fosse costretto ad indossare solo un profumo Lubin per tutta la vita quale sarebbe?
Non è necessario forzarmi: indosserò profumi Lubin per tutta la vita. Il mio unico e solo lusso è quello di decidere quale tra le creazioni leggendarie del mio marchio, quindi non mi chiedete di limitarmi ad una sola nota, non lo sopporterei. La prossima creazione è sempre la più interessante per me.

Cinque odori del suo passato e gli eventi che le ricordano?
L’odore pungente e amaro che le foglie di castagno lasciavano sul terreno, in autunno, lungo la strada per la scuola. Nostalgia.
L’odore muschiato della mia bella insegnante di scienze appoggiata sulla mia spalla per controllare i miei disegni quando avevo dodici anni. Sensualità.
La prima “fumosa e pungente rugiada parigina del mattino “, una mattina presto su un ponte sulla Senna, tornando a casa da un incontro bellissimo. Amore.
Le strade di Jakarta: odore di gas combinato con sigarette e aglio agli inizi degli anni ’80. Libertà.
E … l’odore degli aeroporti, dal momento che amo l’odore del cherosene bruciato. Non è un buon odore in quanto tale ma mi dice: nuove avventure ti aspettano.

Colleziona qualcosa.
Non più come un vero collezionista. Ma sono alla ricerca continua di vecchi reperti di Lubin, bottiglie vasi e documenti. Dopo 216 anni di esistenza, e una presenza in tanti paesi, ci sono reliquie Lubin in tutto il mondo  E ‘ una ricerca alla scoperta di oggetti che probabilmente non verranno mai più mostrati ma mi rende molto orgoglioso.

Be first to comment

Rispondi